domenica 28 ottobre 2012

La Grand Central Station, il cuore di New York


La Grand Central Station è uno dei luoghi simbolo di New York. E’ un punto fermo attorno al quale ruota la vita non solo di Manhattan, ma di gran parte degli Stati Uniti. E’ da qui infatti transitano le metro di New York e i treni diretti in tutti gli Stati Uniti. L’edificio che ospita la stazione è un maestoso palazzo in stile neoclassico, circondato da enormi grattacieli. Al primo sguardo può sembrare un controsenso, ma in fin dei conti non è altro che uno dei tanti contrasti che rendono questa metropoli unica al mondo.

Grand central station, la stazione di New York
La facciata della Grand Central Station di New York, all'ombra del Chrysler Building

Non si entra nella Gran Central necessariamente per prendere un treno o la metro, molti turisti entrano in questa stazione solamente per visitarla (come ho fatto io), per fare un giro tra i suoi 68 negozi, o per mangiare qualcosa in uno dei suoi 35 ristoranti. La Grand Central è un buon punto di partenza per una visita di Manhattan, ma anche un ottimo punto di osservazione se si vuol fare un po’ di people watching!

Grand central station, la stazione di New York
La Silvietta nella Grand Central di New York

Se avete un po’ di tempo leggete qui sotto la storia della Grand Central, altrimenti saltate andate direttamente alla sezione “Curiosità”, dove alcuni aneddoti curiosi vi faranno capire quanto sia speciale questa stazione.
Buona lettura!

La storia
La prima Grand Central venne costruita nel 1871 (l’edificio attuale, nella nuova collocazione tra tra 42nd and 48th Streets, Lexington and Madison Avenue venne costruito nel 1913) nella zona compresa tra Fourth Avenue, 26th and 27th Streets quando i grattacieli ancora non esistevano e tutto intorno c’erano solo case e baracche. L’edificio non era per niente innovativo, e venne considerato obsoleto già al momento dell’inaugurazione. Nel 1898 e nel 1900 venne ristrutturato e ampliato, finché nel 1903 venne indetto un concorso per il progetto della nuova stazione ferroviaria. Il concorso venne vinto dallo studio St. Paul Reed and Stem (guarda a caso la sorella di uno dei soci dello studio era la moglie di William Wilgus, vice presidente della New York Central). Al momento della selezione finale però lo studio non fece trovare il progetto pronto nei dettagli, e dovettero intervenire gli architetti Warren and Wetmore (e guarda a caso Warren era un cugino di William Vanderbilt, presidente della Gran Central). Nel 1904 Warren and Wetmore and Reed and Stem siglarono un accordo e nacque lo studio associato The Associated Architects of Grand Central Terminal. I lavori per la costruzione della stazione durarono 10 anni, durante i quali il servizio ferroviario venne mantenuto nella vecchia sede fino al 1910 (anno in cui venne abbattuta) per poi essere trasferito in una stazione temporanea tra Lexington Avenue and 43rd Street. La nuova Grand Central venne ufficialmente inaugurata Domenica 2 Febbraio 1913 alle 12.01, e ci fu un’affluenza di oltre 150.000 persone.  

Grand central station, la stazione di New York
La Grand Central nel 1913, anno dell'inaugurazione.
A quei tempi non era circondata dai grattacieli come oggi!

All'inizio degli anni ’50 la diffusione delle automobili segnò un inesorabile declino delle ferrovie, le lunghe distanze erano facilmente percorribili in auto, e sempre meno persone utilizzavano i treni. Nel 1954 venne commissionato un progetto per demolire la Grand Central e costruire al suo posto un grattacielo. Per fortuna non se ne fece niente. Vennero comunque apportate delle modifiche alla stazione, come l’abbattimento di una struttura di 6 piani sul retro dell’edificio, al posto della quale venne eretto il Pan Am Building (un grattacielo di 59 piani che oscura tuttora l’interno della stazione). Nel 1967 la stazione venne definita come “edificio storico” e quindi preservata da demolizione. Nel 1969 quando venne presentato un progetto per rimodernare la stazione. Il progetto prevedeva l’abbattimento della facciata e la demolizione di parte della Main Concourse (l’atrio principale) e dell’intera Main Waiting Room (la sala d’attesa principale). La Landmarks Preservation Commission si oppose al progetto, ma la Penn Central (il risultato dell’unione tra New York Central and Pennsylvania Railroads) intraprese una causa contro la città di New York. La diatriba continuò per un decennio finché nel 1976 venne la stazione venne definitivamente classificata come “Edificio storico nazionale” e quindi preservato da ulteriori modifiche.Nel 1983 vennero iniziati i nuovi lavori di ristrutturazione successivamente nel 1990 vennero annessi i negozi della Main Concourse .
Nel 1998 venne effettuato l’ultimo restauro che contribuì a rendere visibile le decorazioni del grandioso soffitto e a ridare splendore a questo meraviglioso edificio. 

Grand central station, la stazione di New York
L’enorme bandiera americana che campeggia nell'atrio 
Venne appesa pochi giorni dopo gli attentati dell’11 Settembre


Curiosità
- Anticamente all'interno della stazione transitava anche un treno molto esclusivo, il 20th Century Limited train (del quale vi ho parlato QUI) sul quale viaggiavano milionari, politici e star del cinema. Questo treno aveva una “stazione” riservata ed esclusiva all'interno della Grand Central chiamata Biltmore Room da dove i viaggiatori potevano arrivare e partire evitando la ressa della stazione. La stanza era collegata direttamente con il Biltmore Hotel (ora il Bank Of America building).
- La Grand Central , durante i suoi centro anni di attività ha ospitato varie attività tra cui una scuola d’arte, una galleria d’arte, un cinema e un museo.
- E’ la stazione ferroviaria più grande al mondo. Ospita 44 banchine e 67 binari disposti su due livelli (41 nel piano superiore e 26 in quello inferiore).
- Alla fine delle due rampe dell’Oyster bar si trova la Whispering gallery (il corridoio del sussurro). Si dice che se una persona si posiziona in un angolo della stanza rivolgendosi verso il muro, possa udire chiaramente ciò che viene sussurrato da un'altra persona rivolta verso il muro dell’angolo opposto della stanza.
- Le decorazioni del soffitto della Main Concourse sono una delle attrazioni principali della Grand Central  L’intero soffitto a volta (alto 45 metri) è illuminato da fibre ottiche ed è dipinto di un bellissimo blu ceruleo, sul quale sono state raffigurate stelle e costellazioni in foglie d’oro. E’ un vero spettacolo, vale da solo la visita alla stazione.
- Prima del restauro del 1998, il soffitto era quasi interamente ricoperto da una patina nera che si riteneva causata dalla fuliggine di carbone e gasolio. Dopo un attento esame si è scoperto che era invece causata da catrame e nicotina da sigari, sigarette e pipe. 

soffito Grand central station, la stazione di New York
All’incirca all’altezza della costellazione dei Pesci  si può notare un buco nel soffitto:
 il buco risale al 1957, quando proprio nella Main Concourse venne ospitato 
il missile americano Redstone, evidentemente più alto del soffitto!

Gli altri miei post su New York:

Puoi seguire Banana e cioccolato anche su FacebookTwitter Bloglovin

2 commenti:

silvia16 ha detto...

che bello ! anche io ho il sogno di visitare new york,non so quando,ma intanto raccolgo info su cosa visitare !!!

Anonimo ha detto...

Sono tanto contento, spero tu possa raggiungere il tuo sogno presto. A new york si mangiano tante belle torte al magnolia bakery e la media di bellezza dei cani è molto alta.
Passeggiano ho incontrato Shevchenko (ex attaccante del Milan)a Broadway. Ha detto che vive a DUMBO.
Tanti saluti
Robertina