giovedì 28 febbraio 2013

Il blog della Ludo - La nuova era

Eccomi, sono tornata dalla città dell'amore. E con una notizia che vi lascerà tutte a bocca aperta. Vi avevo detto che mi era accaduto un imprevisto imprevedibile... E' giunto il momento di condividere la notizia con voi. Ecco. Siete pronte? Siete sedute?

Tesore.... La Ludo si sposa!

Lo so che avevo detto che non mi sarei più risposata dopo l'esperienza disastrosa del mio primo matrimonio, ma quando Gustav me l'ha chiesto è stato tutto così perfetto che non gli ho saputo dire di no. Vi racconto: eravamo al Moulin Rouge e stavamo guardando lo spettacolo (lo ammetto, io stavo prendendo appunti) quando a un certo punto arriva il cameriere con un vassoio d'argento con su due bicchieri di Champagne e una scatola da scarpe. E già lì, siccome sono una donna sveglia, un dubbio mi era venuto. E niente, Gustav si inginocchia, e con la scatola da scarpe in mano mi chiede se lo voglio sposare!
Ovviamente prima di rispondere ho aperto la scatola per accertarmi del contenuto. E sapete cosa c'era dentro? Le mie nuove scarpe personalizzate con la mia personale impronta del piede. Tutte tempestate di diamanti e con plateau 5 cm. (sono quelle che vedete nella foto in alto a sinistra, ma saranno belle?) 
E così mi sposo. Tesore siete contente?


La Ludo è una tardona parmigiana che ogni giovedì si intrufola in questo blog e scrive un post terapeutico come le ha consigliato lo psicologo. Si è separata l'anno scorso quando ho scoperto che il marito aveva una relazione con un giardiniere russo. Ha un negozio di intimo in centro, abita in centro e frequenta solo gente con i soldi.

Puoi seguire Banana e cioccolato anche su Facebook, Twitter e Bloglovin

mercoledì 27 febbraio 2013

Gli Oscar 2013 di Banana e Cioccolato

Solo ed esclusivamente per i lettori del mio blog, i prestigiosi Oscar 2013 di Banana e cioccolato!



Oscar miglior pettinatura


 Con un viso come quello di Charlize Theron ci si può permettere
qualsiasi pettinatura, ma con questo taglio semplice e pulito
la trovo ancora più bella!


Oscar Ferrero Rocher

Catherine Zeta Jones in Ferrero Rocher....
Ops, scusate, volevo dire in Zuhair Murad



Oscar Boero
 Olivia Munn (che per la cronaca non ho idea di chi sia)
confezionata come un Boero in un abito Marchesa


Oscar per l'eleganza senta età 

Jane Fonda in Versace
Quando la classe non è acqua...
74 anni portati divinamente


Oscar Little Miss America

Quvenzhané Wallis in Armani
Spero per lei che quando sarà grande
avrà modo di vendiarsi con i suoi genitori per averla conciata così



Oscar Maria Checa e Oscar peggior pettinatura

 Anne Hathaway in Prada.
Troppo bon ton per i miei gusti.
Per i capelli la manderei dal parrucchiere di Charlize Theron....


Oscar per la coppia più bella

Jennifer Garner (in Gucci) con il marito Ben Affleck



A perimerito con



Jennifer Aniston con Justin Theroux



Oscar alla sobrietà (perduta)

Maria Menounos (chissà chi è) in Romona Keveza



Oscar anticrisi
Helen Hunt con un abito H&M del valore di $80


E voi? A chi avete dato i vostri Oscar 2013?

Puoi seguire Banana e cioccolato anche su Facebook, Twitter e Bloglovin


giovedì 21 febbraio 2013

Il blog della Ludo

Tesore è successa una cosa inaspettata, un imprevisto veramente imprevedibile. Io e Gustav abbiamo deciso di prolungare la nostra fuga d'amore e rimarremo a Parigi ancora qualche giorno. Ma presto tornerò a Parma, perchè senza i cappelletti della Prima non so stare (altro che crepes, consomme e gateau...).
Portate pazienza ancora per una settimana che poi vi racconto. 

p.s. Avete visto qua di fianco le mie scarpe nuove? 


La Ludo è una tardona parmigiana che ogni giovedì si intrufola in questo blog e scrive un post terapeutico come le ha consigliato lo psicologo. Si è separata l'anno scorso quando ho scoperto che il marito aveva una relazione con un giardiniere russo. Ha un negozio di intimo in centro, abita in centro e frequenta solo gente con i soldi.

Puoi seguire Banana e cioccolato anche su Facebook, Twitter e Bloglovin

lunedì 18 febbraio 2013

Hearst castle, la magione della dinastia Hearst

In un paese lontano lontano c'è un castello grande grande grande...

Hearst castle, California


Il castello di cui vi parlo oggi è un castello veramente grande, immenso direi. E' l'Hearst castle in California, ed è un monumentale complesso costituito da 4 Case (Casa Grande, Casa del Mar, Casa del Monte, e casa del Sol), uno zoo, le terme romane, un aeroporto,  piscine, campi da tennis, una sala proiezioni da 400 posti, giardini, terrazze e belvedere vari, per una superficie complessiva di 8.300 m².
Vi sembra abbastanza grande?

Harst castle, California
L'Hearst Castle, in California

Ciò che rende questo castello unico al mondo è la sua ubicazione: l'Hearst castle è situato nel bel mezzo del niente (perché la California non è solo spiagge e oceano, è anche miglia e miglia di terre desolate circondate dal nulla) a 5 ore di distanza sia da Los Angeles che da San Francisco. Se non ci credete guardate le immagini satellitari di Google Maps:

Harst castle, California
L'Hearst castle visto dal satellite di Google maps
L'Hearst castle venne edificato tra il 1919 e il 1947 su un terreno di 250.000 acri acquistato anni prima dal magnate George Hearst e utilizzato fino ad allora come ranch. Si narra che nel 1919 William Hearst, figlio di George e che alla morte del padre aveva ereditato il terreno, disse all'architetto Julia Morgan:
"Signora Morgan, noi siamo stufi di accamparci all'aria aperta al Ranch di San Simeon e vorremmo costruire un piccolo edificio o qualcosa di simile"
Forse l'architetto Morgan si lasciò prendere un pochino la mano, ma senz'altro non trovò nessuna opposizione da parte di William Hearst, che anzi chiese continue modifiche e ampliamenti al progetto originario. Ospitò per anni sontuosissime feste alle quali partecipavano divi di Hollywood, milionari e politici. Dal 1957 il castello appartiene allo Stato della California, che l'ha aperto al pubblico.


Alcune zone dell'Hearst Castle
Hearst castle
La vasca di Nettuno, nell'Hearst castle
La vasca di Nettuno: L'attuale piscina (chiamata vasca di Nettuno in onore delle statue che la circondano  venne costruita nel 1936, è lunga più di 31 metri, e contiene ben 1.306 metri cubi d'acqua. Venne edificata al posto di due precedenti piscine (costruite nel 1924 e nel 1926) di dimensioni inferiori.
Lo zoo: ora smantellato, lo zoo fu voluto da Hearst per impressionare i suoi ospiti. Vennero portati animali da tutto il mondo, come il cammello, la zebra, canguri, lama, orsi bruni, leopardi, oranghi, scimpanzé e altri ancora. Nel 1937, a causa di una pesante crisi finanziaria, Hearst fu costretto a ridurre le spese e di conseguenza a smantellare lo zoo.  Il processo durò vari decenni, e si concluse dopo la morte di Hearst.
Le terme (roman pool): il complesso ospita una piscina coperta riscaldata, una sauna, una palestra, un campo da pallamano e ovviamente gli spogliatoi. La piscina è decorata con smalti, mosaici e riproduzioni di statue romane e greche. Le decorazioni vennero ispirate dalle terme di Caracalla e dal Mausoleo di Galla Placidia.
L'areoportoEssendo la zona  così remota e difficilmente raggiungibile, si rese necessario costruire una pista d'atterraggio privata per facilitare gli spostamenti della famiglia Hearst e dei loro illustri ospiti (prevalentemente politici e star di Hollywood come l'attrice Louise Brooks, di cui vi avevo parlato in questo post). Originariamente le piste erano due, posizionate perpendicolari, in modo che gli aerei potessero decollare e atterrare con qualsiasi condizione di vento. Nel 1946 le piste vennero chiuse e ne venne costruita una nuova a 1 miglio più a nord. La pista è tuttora utilizzata dagli aerei privati della Hearst Coroporation e dalla famiglia Hearst, e non è aperta al pubblico.Tra i più famosi aviatori ospitati dalla famiglia Hearst nel castello ci furono il regista Howard Hughes, Amelia Earhart, e Charles Lindbergh.


La famiglia Hearst

A questo punto vi sarete già chiesti chi diamine siano questi Hearst. La Hearst corporation possiede oggi oltre 300 testate tra cui Elle, Marie claire, Cosmopolitan, Good housekeeping, Country living, Harper's Bazaar. In Italia ha acquisito nel 2011 la Hachette Rusconi.

dinastia Hearst
Da sinistra: George, William, Lydia e Amanda Hearst
 Il capostipite della famiglia, George Hearst, arrivò in California alla metà dell'800 per cercare l'oro come altre migliaia di cercatori, trovò il prezioso metallo e in pochi anni mise in piedi un'impresa di estrazione mineraria che in breve divenne la più grande degli Stati Uniti. Si dedicò poi con passione a un'attività secondaria, e cioè il giornalismo, acquisendo il San Francisco Examiner. Trasmise la passione per i giornali al figlio William che divenne il magnate del giornalismo, inventando il cosiddetto "giornalismo di massa" 
Si dice che il film "Quarto potere", capolavoro di Orson Welles, sia ispirato alla sua storia. Più recentemente, vi sarà forse capitato di sentire parlare delle ereditiere Lydia e Amanda, entrambe modelle (Lydia anche attrice) e nipoti di William.

Allora, partiamo?

giovedì 14 febbraio 2013

Il blog della Ludo



Tesore sono a Parigi, la città dell'amore!
Gustav mi ha portata qui per festeggiare il San Valentino e soprattutto 
per farmi fare le scarpe personalizzate con l'impronta del mio piede, 
proprio come quelle che mi si sono rotte durante l'incidente sulla neve.
Spero di tornare il più tardi possibile. 
Baci e abbracci a tutte le mie tesore.
Ludo

La Ludo è una tardona parmigiana che ogni giovedì si intrufola in questo blog e scrive un post terapeutico come le ha consigliato lo psicologo. Si è separata l'anno scorso quando ho scoperto che il marito aveva una relazione con un giardiniere russo. Ha un negozio di intimo in centro, abita in centro e frequenta solo gente con i soldi.

Puoi seguire Banana e cioccolato anche su Facebook, Twitter e Bloglovin

Single a San Valentino

Il post di oggi è dedicato a tutte le amiche e follower (e follower amiche ovviamente) single, che oggi non si devono assolutamente deprimere, anzi su col morale!!!

So per esperienza che il giorno di San Valentino può essere tremendamente lungo quando si è single, quindi io qui  mi impegno ufficialmente a cercare di rallegrarvi questa giornata facendovi fare almeno un piccolo sorriso !!!  (Spero di riuscirci )



Single? Sì grazie!


Nel 2010 le separazioni sono state 88.191 e i divorzi 54.160. Rispetto all'anno precedente le separazioni hanno registrato un incremento del 2,6% mentre i divorzi un decremento pari a 0,5% - fonte ISTAT
Cosa significa? Che finché rimarrete single risparmierete un sacco di soldi (cioè quelli per il matrimonio e pure quelli per il divorzio) che potrete spendere come meglio volete. 
E cioè in shopping ovviamente! 



Incontri al super


Dicono che nella corsia vini dei supermercati si facciano incontri maschili piuttosto interessanti... Provare per credere (e soprattutto diffidare da quelli con pargoli nel carrello)!


Puntate in alto, ragazze!


Bisogna sempre puntare in alto, mai accontentarsi. Ecco, lui è un po' difficile incontrarlo al supermercato (almeno in Italia), ma non si sa mai...
Chi è ? E' Larry Ellison, cofondatore e CEO della Oracle corporation e secondo Forbes è il terzo uomo più ricco al mondo.
Classe 1944, sportivo, possiede diversi yacht tra cui il terzo più grande al mondo. Ha alle sue spalle 4 divorzi, ma quel che conta è che è attualmente SINGLE!


E se proprio vi va male...


LORO SONO ANCORA SULLA PIAZZA!

Puoi seguire Banana e cioccolato anche su FacebookTwitter Bloglovin

venerdì 8 febbraio 2013

Idee low cost per San Valentino


Vista l’aria di crisi che si respira, quest’anno vi propongo un San Valentino low cost, per dimostrarvi che per festeggiare il vostro innamorato o la vostra innamorata, non è necessario spendere, basta l'amore! 
Sì, oggi mi sento decisamente romantica! E sempre a proposito di romanticismo potete leggere qui il mio post del San Valentino 2012 dedicato ai 10 luoghi più romantici).
E per le amiche single... Preparatevi perchè su Banana e cioccolato arriverà la sorpresa di San Valentino!




La colazione (da fare a letto)


Una bella colazione a letto per il vostro lui o la vostra lei non vi costa niente. Non è necessario preparare una pasto da re, basta alzarsi qualche minuto prima, preparare il te o il caffè e qualche biscotto.
Costo: il costo della vostra normale colazione
Il mio consiglio: controllate di avere in casa un vassoio!
L’idea in più: personalizzare le bustine del thè con un pensiero romantico ( qui il tutorial dal sito di Martha Stewart)

Una passeggiata romantica
Heighton Brent - Romantic stroll

Fare un viaggio non se ne parla, una gita in giornata men che meno, allora perché non fare una bella passeggiata in un parco cittadino? Regalatevi un po’ di tempo per voi (e se piove è ancora più romantico!).
Il mio consiglio: scarpe comode ragazze!
L’idea in più: fermarsi in un bar per una bella cioccolata calda

Gradisce un aperitivo?

Perché non fare trovare al nostro lui o alla nostra lei un aperitivo fatto con le nostre mani? Non occorre comprare bottiglie e bottiglie di superalcolici… Basta un semplice Crodino (analcolico) o un Campari (alcolico) e qualche stuzzichino.
Il mio consiglio: Degli stuzzichini rapidi, economici? Scaglie di grana, olive e salatini. Semplice, no?
L’idea in più: un po’ di musica in sottofondo per creare un'atmosfera lounge.

La cena (in casa)



Caviale, aragosta, champagne….Siamo al risparmio quindi non vi propongo niente di tutto questo. Nemmeno il ristorante, per risparmiare si mangia in casa. Al dolce però non si rinuncia: perché non uscire dopocena per un bel dolcetto in un posto carino?
Il mio consiglio: Provate i tortini di cioccolato con cuore fondentesemplicissimi anche per chi è alle prime armi ai fornelli. (qui la ricetta di Giallo Zafferano
L’idea in più: qualche candela per creare un po’ d’atmosfera

Un pensierino per il vostro Valentino

Siamo in bolletta, quindi non possiamo permetterci un regalo per il nostro Valentino, ma un bel biglietto possiamo permettercelo!
Il mio consiglio: Un biglietto fatto con le vostre mani sarà forse meno perfetto di uno acquistato, ma sarà sicuramente apprezzato dal vostro Valentino.
L’idea in più: un biglietto realizzato con i bottoni (qui il tutorial di Kristina Werner per realizzare quello dell'immagine qui sopra)

 

E per il dopocena….
Ragazzi, un po’ d’immaginazione… Non dovrò mica dirvi tutto io, vero?

Puoi seguire Banana e cioccolato anche su FacebookTwitter Bloglovin

giovedì 7 febbraio 2013

Il blog della Ludo


Per fortuna mi hanno tolto il gesso appena in tempo per il Carnevale. Ero già in paranoia perché Carnevale è una festa che adoro, e non potevo proprio farmelo scappare. Era da tanto che con la Cicci e la Titti stavamo preparando la serata: abbiamo sfogliato cataloghi e cataloghi, abbiamo fatto un sacco di prove costume (veramente le hanno fatte loro, perché io con la gamba ingessata non potevo), sedute dalla parrucchiera per le prove acconciatura, dalla sarta per adattare i costumi, insomma un vero sbattimento. Beh, ne è proprio valsa la pena perché, modestamente quest’anno mi sento che faremo faville… Saremo ancora più belle dell’anno scorso quando ci siamo vestite da 3 moschettiere. Non ci credete? Invece dovete crederci, perché quest’anno ci vestiremo da bagnine di Baywatch!

E per l'occasione Ercolè verra vestito da cane di salvataggio.



La Ludo è una tardona parmigiana che ogni giovedì si intrufola in questo blog e scrive un post terapeutico come le ha consigliato lo psicologo. Si è separata l'anno scorso quando ho scoperto che il marito aveva una relazione con un giardiniere russo. Ha un negozio di intimo in centro, abita in centro e frequenta solo gente con i soldi.

Puoi seguire Banana e cioccolato anche su Facebook, Twitter e Bloglovin

lunedì 4 febbraio 2013

Caro diario... mese di Gennaio

Questo mese di Gennaio è stato piuttosto tranquillo, sono finite le festività, ci sono stati i saldi... e la neve. Per il resto tutto è scorso liscio come l'acqua. Ecco come ho trascorso questo primo mese del 2013:


Ahi ahi ahi l’influenza


Il mese e l’anno non sono iniziati nel modo migliore… Infatti il primo Gennaio ho pensato bene di ammalarmi. Un po’ di febbre (per fortuna passeggera) e un bel raffreddore che mi ha accompagnata per le prime due settimane del mese. 

Un po’ di meritato riposo

Complice il periodo lavorativamente morto, mi sono presa qualche giorno di ferie da trascorrere a casetta (è bello viaggiare, ma è bello anche starsene a casa!). Così i primi giorni dell’anno sono volati via tra biscotti fatti in casa, crsostatine, lasagne, un po’ di tv e un po’ di libri.


Saldi, saldi, saldi
Avevo già dedicato un post ai saldi invernali, dove elencavo quello che avrei voluto comprare. Devo dire che quest’anno sono stata fortunata e penso proprio di aver fatto buoni affari. Nello specifico, il mio bottino di saldi consiste in: un piumino nero, una cintura, uno scaldacollo in lana, un paio di stivali da cavallerizza (questi sono il pezzo forte), un paio di scarponcini (quelli della foto), un po' di orecchini e un maglioncino nero. Dimenticavo: sempre nel post dedicato ai saldi parlavo del mio desiderio di possedere una vestaglia lunga da diva: ebbene, il desiderio è stato esaudito! Leggendo il post, mia mamma si è ricordata di una vestaglia (praticamente nuova) chiusa in un armadio da qualche decina d’anni (diciamo che la vestaglia ha la mia età), e ha pensato di regalarmela!
Ho vinto un giveaway
Ebbene sì, il 5 gennaio sono stata estratta come fortunata vincitrice del giveaway del blog Reading at Tiffany’s e mi sono aggiudicata il libro A piedi nudi nell’erba di Susan Mallery. Fortunatissima!

La neve!
Il mese di gennaio ci ha regalato qualche giorno di neve. Le previsioni parlavano di bufera, ma per fortuna non ci sono stati grandi disagi (anche se qui in pianura appena nevica la gente si fa prendere dal panico e viaggia ai 40 km/h anche se le strade sono pulitissime). La foto che vedete è della mia amica nonchè compagna di sventure Betta, che mentre andava a lavorare ha fotografato il bellissimo Palazzo del Governatore di Parma (lei è una di quelle che va sempre in giro con la macchina fotografica in borsetta).


Art attack

Domenica 20, andati a monte i piani di fare un bel giretto causa neve e pioggia, ho avuto un attacco d’arte e ho rivestito una scatola da camicia con dei ritagli di un vecchio libro di Storia dell’arte romana. Non so a voi, ma a me buttare i libri spiace sempre (soprattutto se si tratta di libri universitari pagati un occhio della testa), così ho deciso di ridare nuova vita. Sì lo so, c’è di meglio in giro, ma per essere un’opera prima non c’è male!

E anche per questo mese è tutto, al prossimo appuntamento!


Puoi seguire Banana e cioccolato anche su FacebookTwitter Bloglovin





venerdì 1 febbraio 2013

I volti dei miei viaggi


Viaggiando si vedono tanti luoghi, si conoscono realtà diverse e si ha anche modo di conoscere persone.
Io per natura sono poco socievole, non sono certo una che attacca bottone, ma se mi capita l'occasione di conoscere gente nuova, soprattutto all'estero, non mi tiro certo indietro. In questi anni di occasioni ne abbiamo avute tante (se pensate che in una vacanza di 10/15 giorni dormiamo ogni notte in un posto diverso, fate presto a fare i conti...), e se le elencassi tutte il post diventerebbe veramente troppo lungo, quindi mi limito a farvene conoscere le tre più divertenti!

3° classificato

Al terzo posto i simpatici proprietari dello studio dove alloggiavamo a Corfù nel lontano 2002. Lo studio era all’interno di un bellissimo cortile pieno di piante di limoni che i due signori curavano con tanto amore. Comunicavamo in inglese (male), italiano (poco) e greco (che ovviamente noi non capivamo), però riuscivamo a intenderci.



2° classificato

Al secondo posto il fantastico giudice degli Highland Games di Stirling del 2004. Non abbiamo avuto il piacere di conoscerlo di persona, ma non siamo riusciti a trattenerci dall'immortalarlo con una foto. Non abbiamo ben capito se si fosse addormentato guardando l’esibizione di danze celtiche o se stesse profondamente riflettendo sul voto. Ma la domanda che ci accompagna ancora ogni volta che guardiamo questa foto è: “Cosa diavolo aveva in testa?”


And the winner is......

E al primo posto.... Un simpatico orco di nome Shrek conosciuto nel 2008 agli Universal Studio di Los Angeles. Beh, lo conoscete tutti, non credo sia necessario aggiungere altro!

Con questo post partecipo alla campagna I volti dei miei viaggi del blog Viaggi e baci.